Ambiente
Dal 2005 La Banca Dati ragionata di diritto ambientale a cura del dott. Marco Grondacci
Giurisprudenza Normativa Prassi Approfondimenti
    Home - eBook - Edicola - Indice - Gazzetta - Corte Cost. - Chi siamo - Contatti - Demo -
Stampa


Sommario ( schede)

. Acque
. Aree protette
. Aria
. Autor. Integr.
. Beni ambientali
. Biodiesel
. Biodiversita'
. Caccia
. Danno amb.
. Difesa del Suolo
. Ecocertificazione
. Edilizia
. Effetto Serra
. Elettrosmog
. Energia
. Giurisprudenza
. Incentivi
. Ind. a rischio
. Informazione
. Istituzioni
. Mare
. Mobilita' sost.
. Normativa
. Nucleare
. Ozonosfera
. Rifiuti
. Rumore
. Urbanistica
. VIA VAS
. Vigilanza

 
Modalita' dimostrativa. Lette 1 sintesi.

2008-12-30 - plain
Testo coordinato del Decreto Legge 3 novembre 2008, n. 171 Testo del decreto-legge 3 novembre 2008, n. 171 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 258 del 4 novembre 2008), coordinato con la legge di conversione 30 dicembre 2008, n. 205 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 1), recante: «Misure urgenti per il rilancio competitivo del settore agroalimentare». (GU n. 303 del 30-12-2008 )

Sintesi:
VINACCIA ESAUSTA ED AL BIOGAS NEI PROCESSI DI DISTILLAZIONE CONSIDERATI COME SOTTOPRODOTTI COMBUSTIBILI E NON RIFIUTI


SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE RELATIVAMENTE A FORMULARIO E ISCRIZIO ALBO TRASPORTO RIFIUTI

Url non disponibile ai non abbonati

VINACCIA ESAUSTA ED AL BIOGAS NEI PROCESSI DI DISTILLAZIONE CONSIDERATI COME SOTTOPRODOTTI COMBUSTIBILI E NON RIFIUTI

Secondo l’articolo 2bis del presente decreto legge ,le vinacce vergini nonché le vinacce esauste ed i loro componenti, bucce, vinaccioli e raspi, derivanti dai processi di vinificazione e di distillazione, che subiscono esclusivamente trattamenti di tipo meccanico fisico, compreso il lavaggio con acqua o l'essiccazione nonché, previa autorizzazione degli enti competenti per territorio, la pollina (frase questa ultima introdotta dall’articolo 18 della legge comunitaria 2009), destinati alla combustione nel medesimo ciclo produttivo sono da considerare sottoprodotti soggetti alla disciplina di cui alla sezione 4 della parte II dell'allegato X alla parte quinta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. Si ricorda che la parte quinta del dlgs 152/2006 è quella relativa alle norme in materia di tutela dell’aria e della riduzione delle emissioni in atmosfera , mentre l’allegato X a tale parte è quello sulla disciplina dei combustibili , la parte II è quella sulle caratteristiche merceologiche dei combustibili e la sezione IV è quella specifica sulle caratteristiche delle biomasse combustibili e relative condizioni di utilizzo.

E' sottoprodotto della distillazione anche il biogas derivante da processi anaerobici di depurazione delle borlande della distillazione (quindi non da rifiuti per intenderci) destinato alla combustione nel medesimo ciclo produttivo, ai sensi della sezione 6 della parte II dell'allegato X alla parte quinta del citato decreto legislativo n. 152 del 2006».

SEMPLIFICAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

Le disposizioni ( ex articolo 193 dlgs 152/2006) relative all’obbligo di accompagnare il trasporto dei rifiuti con apposito formulario di identificazione non si applicano altresì nel caso di trasporto di rifiuti speciali da attività agricole e agro industriali , effettuato dal produttore dei rifiuti stessi in modo occasionale e saltuario e finalizzato al conferimento al gestore del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani con il quale sia stata stipulata una convenzione, purché tali rifiuti non eccedano la quantità di trenta chilogrammi o di trenta litri.

Viene esclusa l'iscrizione all'Albo per il trasporto dei propri rifiuti, purché lo stesso trasporto sia esclusivamente finalizzato al conferimento al gestore del servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani con il quale sia stata stipulata una convenzione. I rifiuti devono rientrare nella casistica indicata dal comma 8 articolo 212 dlgs 152/2006 e cioè:

• produttori iniziali di rifiuti non pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti,

• produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto di trenta chilogrammi o trenta litri al giorno dei propri rifiuti pericolosi,

a condizione che tali operazioni costituiscano parte integrante ed accessoria dell'organizzazione dell'impresa dalla quale i rifiuti sono prodotti


Chiavi: . .

& nbsp;

 

 

 





Chiavi: . .


Sommario:

. Acque
. Aree protette
. Aria
. Autorizzazione Integrata
. Beni ambientali
. Biodiesel
. Biodiversità
. Caccia
. Danno ambientale
. Difesa del Suolo

. Ecocertificazione
. Edilizia
. Effetto Serra
. Elettrosmog
. Energia
. Giurisprudenza
. Incentivi e politiche sostenibili
. Industrie a rischio
. Informazione
. Istituzioni

. Mare
. Mobilità sostenibile
. Normativa
. Nucleare
. Ozonosfera
. Rifiuti
. Rumore
. Urbanistica
. VIA VAS
. Vigilanza

o elenco alfabetico









Via-Vas: Ebook gratuiti con prime note

   


Vietata la riproduzione anche parziale. @ IusOnDemand srl - Privacy policy - Condizioni generali - Contatti - Toolbar - Login